Sono speciale

Affetti e emozioni narrativo fantastico Sono speciale Cosetta Zanotti, Arsenico Fantasma Speciale, Jaca Book Mi presento: sono il fantasma Arsenico - Arsy per gli amici - Golososky y Dolores de Panza. “Dolores de Panza”, cioè dolori di pancia che mi procuro quotidianamente ingozzandomi a più non posso di soldi e caramelle. Nonostante ci abbia provato mille volte, non riesco a spaventare nemmeno il più pauroso dei paurosi, tutto ciò con sommo dispiacere dei miei parenti. Proprio non mi viene naturale! Come tutti i miei colleghi, per lo più sono invisibile. Pochissimi mi hanno visto, non perché io non voglia, il fatto è che spesso sono impresentabile. Mi definirei un elegante sbrodolone. La mia famiglia non sa darsi pace. Ritiene disonorevole che un fantasma non faccia il suo onesto lavoro di spaventare la gente. Ma si sa, ogni cesta ha la sua mela bacata! E io sono quella mela. So di essere diverso dagli altri. I fiori dei prati non sono tutti uguali: ebbene io mi sento un fiore, benché grasso, ma pur sempre un fiore. Sin da quando ero piccolo i miei genitori mi spedirono alla rinomata scuola per fantasmi di Vienna. Già allora mostravo un’innata avversione per tutto ciò che volevano insegnarmi sul nostro mondo tenebroso e una smisurata propensione per i dolci. Mi annoiavo a tal punto da ridurmi a giocare degli scherzi persino al cuoco della scuola. Alla fine ottenni solo il diploma “fantasma abilitato a combinare disastri, specializzato in sbrodolerie”. Mi cacciarono dopo qualche settimana. Beh, c’era da aspettarselo! La mia diversità all’inizio mi rattristava. Ora è il mio orgoglio. Essere diversi non vuol dire essere sbagliati. Comprendo Informazioni esplicite Indica gli aggettivi adatti al carattere di Arsenico: goloso. spaventoso. buono. diverso. terribile. pasticcione. Che cosa fa Arsenico per spaventare le persone? Parliamone insieme Leggi la frase sottolineata. È un’affermazione molto seria, anche se viene pronunciata da un personaggio fantastico. Parlane con i compagni e con l’insegnante.
Affetti e emozioni narrativo fantastico Sono speciale Cosetta Zanotti, Arsenico Fantasma Speciale, Jaca Book Mi presento: sono il fantasma Arsenico - Arsy per gli amici - Golososky y Dolores de Panza. “Dolores de Panza”, cioè dolori di pancia che mi procuro quotidianamente ingozzandomi a più non posso di soldi e caramelle.  Nonostante ci abbia provato mille volte, non riesco a spaventare nemmeno il più pauroso dei paurosi, tutto ciò con sommo dispiacere dei miei parenti.  Proprio non mi viene naturale!  Come tutti i miei colleghi, per lo più sono invisibile. Pochissimi mi hanno visto, non perché io non voglia, il fatto è che spesso sono impresentabile. Mi definirei un elegante sbrodolone.  La mia famiglia non sa darsi pace. Ritiene disonorevole che un fantasma non faccia il suo onesto lavoro di spaventare la gente. Ma si sa, ogni cesta ha la sua mela bacata! E io sono quella mela. So di essere diverso dagli altri. I fiori dei prati non sono tutti uguali: ebbene io mi sento un fiore, benché grasso, ma pur sempre un fiore.  Sin da quando ero piccolo i miei genitori mi spedirono alla rinomata scuola per fantasmi di Vienna.  Già allora mostravo un’innata avversione per tutto ciò che volevano insegnarmi sul nostro mondo tenebroso e una smisurata propensione per i dolci. Mi annoiavo a tal punto da ridurmi a giocare degli scherzi persino al cuoco della scuola. Alla fine ottenni solo il diploma “fantasma abilitato a combinare disastri, specializzato in sbrodolerie”. Mi cacciarono dopo qualche settimana. Beh, c’era da aspettarselo!  La mia diversità all’inizio mi rattristava. Ora è il mio orgoglio. Essere diversi non vuol dire essere sbagliati. Comprendo Informazioni esplicite  Indica gli aggettivi adatti al carattere di Arsenico:   goloso.   spaventoso.   buono.   diverso.   terribile.   pasticcione.  Che cosa fa Arsenico per spaventare le persone?      Parliamone insieme  Leggi la frase sottolineata. È un’affermazione molto seria, anche se viene pronunciata da un personaggio fantastico. Parlane con i compagni e con l’insegnante.