Laboratorio - Scopro il testo informativo

A come ambiente laboratorio Scopro il...Testo informativo Un mondo di rifiuti Enciclopedia per ragazzi 2000, Giunti - Dami Un tempo i residui di cibo venivano in parte usati per sfamare gli animali, le immondizie erano quasi tutte degradabili e venivano macerate per farne concimi; carta e legno si bruciavano nelle stufe o nei camini; bottiglie e involucri venivano accuratamente recuperati. Poi è venuta la “rivoluzione dei consumi” e l’ambiente ha cominciato a riempirsi di rifiuti, di scarichi abusivi, di inceneritori, di cimiteri di macchine e di oggetti in disuso: un vero mare di sporcizia. Oggi si producono ogni anno, nel mondo, miliardi di tonnellate di rifiuti, da quelli liquidi, scaricati nei fiumi e nei mari, a quelli solidi, accumulati nelle discariche. Provengono dalle industrie, dalle città, dalle campagne, dalle nostre stesse case, e tendono ad aumentare sempre di più: sono i residui ingombranti delle nostre migliori condizioni di vita. Che fare, dunque, dei rifiuti che sporcano l’ambiente? Alcuni sono tossici e non si possono bruciare senza sprigionare nell’aria sostanze pericolose per la salute, altri rendono le acque imbevibili, altri ancora (come il fosforo contenuto nei detersivi) alimentano la proliferazione di alghe nei fiumi e nei laghi fino a uccidere gli altri organismi vegetali e animali. È successo di recente che rifiuti particolarmente pericolosi siano stati sotterrati di nascosto e abbiano avvelenato le falde d’acqua che alimentavano gli acquedotti; sono state scoperte navi che cercavano di scaricare rifiuti velenosi e radioattivi. I rifiuti sono un problema che riguarda ormai tutto il mondo: si accumulano persino nelle zone polari, dove il freddo li conserva per lungo tempo, nelle alte montagne, dove le sempre più frequenti spedizioni alpinistiche lasciano i loro resti, nei deserti percorsi non più da cammelli ma da potenti mezzi meccanici. Benessere e progresso sono importanti, ma bisogna allo stesso tempo ridurre i consumi all’essenziale, evitando sprechi, usare il più possibile materiali riciclabili, sfruttare con cautela le risorse della Terra. Il testo informativo Che cos’è È un testo che arricchisce le conoscenze di chi legge. Dà informazioni su fatti, fenomeni, problemi, oggetti, luoghi e persone. Come è fatto titolo introduzione (argomento generale) sequenze informative informazioni principali e secondarie Quali forme assume Testi informativi-disciplinari (li trovi in libri scolastici, enciclopedie ecc.) Testi informativi-divulgativi (li trovi in riviste, giornali ecc.) Manifesti Dépliant Cronache Come è scritto linguaggio chiaro e preciso parole evidenziate Immagini, tabelle, grafici e mappe o schemi Qual è lo scopo di questo testo? Raccontare fatti relativi allo smaltimento dei rifiuti tossici. Dare delle regole precise per riciclare i rifiuti. Informare sul problema dei rifiuti nella nostra società. Il testo è diviso in 5 sequenze informative. Leggi ora i post-it qui sotto: su ognuno è scritto un argomento. Colorali utilizzando i colori delle sequenze informative corrispondenti. L’attività è avviata. Il problema dello smaltimento dei rifiuti Ridurre i consumi, riciclare, recuperare L’epoca del recupero e del riciclo dei rifiuti L’epoca del consumismo e dell’aumento dei rifiuti I rifiuti tossici Rileggi i titoletti sui post-it e aggiungi a ciascuno di essi un’informazione importante della sequenza. 1. L’epoca del recupero e del riciclo dei rifiuti. Un tempo alcuni rifiuti venivano riutilizzati per diversi scopi. 2. L’epoca del consumismo e dell’aumento dei rifiuti. Oggi si producono ogni anno miliardi di tonnellate di rifiuti. 3. 4. 5. esercitati a SCRIVERE UN testo informativo Alle Pp. 48-51 DEL LIBRO DI SCRITTURA.
A come ambiente laboratorio Scopro il...Testo informativo Un mondo di rifiuti Enciclopedia per ragazzi 2000, Giunti - Dami Un tempo i residui di cibo venivano in parte usati per sfamare gli animali, le immondizie erano quasi tutte degradabili e venivano macerate per farne concimi; carta e legno si bruciavano nelle stufe o nei camini; bottiglie e involucri venivano accuratamente recuperati. Poi è venuta la “rivoluzione dei consumi” e l’ambiente ha cominciato a riempirsi di rifiuti, di scarichi abusivi, di inceneritori, di cimiteri di macchine e di oggetti in disuso: un vero mare di sporcizia. Oggi si producono ogni anno, nel mondo, miliardi di tonnellate di rifiuti, da quelli liquidi, scaricati nei fiumi e nei mari, a quelli solidi, accumulati nelle discariche. Provengono dalle industrie, dalle città, dalle campagne, dalle nostre stesse case, e tendono ad aumentare sempre di più: sono i residui ingombranti delle nostre migliori condizioni di vita. Che fare, dunque, dei rifiuti che sporcano l’ambiente? Alcuni sono tossici e non si possono bruciare senza sprigionare nell’aria sostanze pericolose per la salute, altri rendono le acque imbevibili, altri ancora (come il fosforo contenuto nei detersivi) alimentano la proliferazione di alghe nei fiumi e nei laghi fino a uccidere gli altri organismi vegetali e animali. È successo di recente che rifiuti particolarmente pericolosi siano stati sotterrati di nascosto e abbiano avvelenato le falde d’acqua che alimentavano gli acquedotti; sono state scoperte navi che cercavano di scaricare rifiuti velenosi e radioattivi. I rifiuti sono un problema che riguarda ormai tutto il mondo: si accumulano persino nelle zone polari, dove il freddo li conserva per lungo tempo, nelle alte montagne, dove le sempre più frequenti spedizioni alpinistiche lasciano i loro resti, nei deserti percorsi non più da cammelli ma da potenti mezzi meccanici. Benessere e progresso sono importanti, ma bisogna allo stesso tempo ridurre i consumi all’essenziale, evitando sprechi, usare il più possibile materiali riciclabili, sfruttare con cautela le risorse della Terra. Il testo informativo Che cos’è È un testo che arricchisce le conoscenze di chi legge. Dà informazioni su fatti, fenomeni, problemi, oggetti, luoghi e persone. Come è fatto  titolo  introduzione (argomento generale)  sequenze informative  informazioni principali e secondarie Quali forme assume  Testi informativi-disciplinari (li trovi in libri scolastici, enciclopedie ecc.)  Testi informativi-divulgativi (li trovi in riviste, giornali ecc.)  Manifesti  Dépliant  Cronache Come è scritto  linguaggio  chiaro e preciso  parole evidenziate  Immagini, tabelle, grafici e mappe o schemi  Qual è lo scopo di questo testo?   Raccontare fatti relativi allo smaltimento dei rifiuti tossici.   Dare delle regole precise per riciclare i rifiuti.   Informare sul problema dei rifiuti nella nostra società.  Il testo è diviso in 5 sequenze informative. Leggi ora i post-it qui sotto: su ognuno è scritto un argomento. Colorali utilizzando i colori delle sequenze informative corrispondenti. L’attività è avviata. Il problema dello smaltimento dei rifiuti Ridurre i consumi, riciclare, recuperare L’epoca del recupero e del riciclo dei rifiuti L’epoca del consumismo e dell’aumento dei rifiuti I rifiuti tossici  Rileggi i titoletti sui post-it e aggiungi a ciascuno di essi un’informazione importante della sequenza. 1. L’epoca del recupero e del riciclo dei rifiuti. Un tempo alcuni rifiuti venivano riutilizzati per diversi scopi. 2. L’epoca del consumismo e dell’aumento dei rifiuti. Oggi si producono ogni anno miliardi di tonnellate di rifiuti. 3.     4.     5.     esercitati a SCRIVERE UN testo informativo Alle Pp. 48-51 DEL LIBRO DI SCRITTURA.