Laboratorio - Scopro le informazioni principali e secondarie

A come ambiente laboratorio Scopro le...informazioni principali e secondarie Predatori vegetali in “Focus Junior” Esistono piante fameliche capaci di mangiare cani, gatti, addirittura uomini? Soltanto nei film! Le piante carnivore mangiano insetti o, al massimo, qualche lucertola o rana... Le trappole che usano per catturare le loro prede sono micidiali. Alcune, come la drosera, producono goccioline di colla che, grazie a dei riflessi di luce, attirano l’insetto e poi lo intrappolano impedendogli di volare via. Altre, per non far scappare le proprie prede, hanno una foglia avvolta su se stessa e piena di liquido digestivo (fino a due litri) che scioglie l’insetto scivolato all’interno. Non tutti gli insetti vengono uccisi. Ad esempio, gli impollinatori servono vivi: portano il polline dal fiore di una pianta a quello di un’altra, per fecondarla e far sì che si riproduca. La roridula, invece, risparmia insetti con zampe molto lunghe: questi si nutrono di altri insetti rimasti appiccicati sulle foglie e, in cambio, depositano i propri escrementi sulla pianta, che ne ricava così il proprio cibo. Più che carnivora, insomma, è... “cacchivora”! Le INFORMAZIONI principali e secondarie Le informazioni principali sono quelle più importanti e indispensabili per capire il testo. Le informazioni secondarie non sono indispensabili ma spiegano meglio il significato delle informazioni principali; spesso forniscono degli esempi. Tra queste informazioni date dal testo, quali sono principali (P) e quali secondarie (S)? Scrivi P o S nei quadratini. Le piante carnivore mangiano soprattutto insetti. Solo nei film le piante carnivore mangiano gli uomini. Le piante carnivore usano trappole micidiali per catturare le prede. Ci sono insetti, come gli impollinatori, che non sono uccisi dalle piante carnivore. Anche le piante carnivore, per riprodursi hanno bisogno degli insetti impollinatori. La drosera intrappola le prede con goccioline di colla. Esiste anche una pianta che si nutre della cacca degli insetti. Una drosera: le sue foglie sono coperte da tentacoli colorati a cui la preda rimane attaccata.
A come ambiente laboratorio Scopro le...informazioni principali e secondarie Predatori vegetali in “Focus Junior” Esistono piante fameliche capaci di mangiare cani, gatti, addirittura uomini? Soltanto nei film! Le piante carnivore mangiano insetti o, al massimo, qualche lucertola o rana... Le trappole che usano per catturare le loro prede sono micidiali. Alcune, come la drosera, producono goccioline di colla che, grazie a dei riflessi di luce, attirano l’insetto e poi lo intrappolano impedendogli di volare via. Altre, per non far scappare le proprie prede, hanno una foglia avvolta su se stessa e piena di liquido digestivo (fino a due litri) che scioglie l’insetto scivolato all’interno. Non tutti gli insetti vengono uccisi. Ad esempio, gli impollinatori servono vivi: portano il polline dal fiore di una pianta a quello di un’altra, per fecondarla e far sì che si riproduca. La roridula, invece, risparmia insetti con zampe molto lunghe: questi si nutrono di altri insetti rimasti appiccicati sulle foglie e, in cambio, depositano i propri escrementi sulla pianta, che ne ricava così il proprio cibo. Più che carnivora, insomma, è... “cacchivora”! Le INFORMAZIONI principali e secondarie Le informazioni principali sono quelle più importanti e indispensabili per capire il testo. Le informazioni secondarie non sono indispensabili ma spiegano meglio il significato delle informazioni principali; spesso forniscono degli esempi.  Tra queste informazioni date dal testo, quali sono principali (P) e quali secondarie (S)? Scrivi P o S nei quadratini.   Le piante carnivore mangiano soprattutto insetti.   Solo nei film le piante carnivore mangiano gli uomini.   Le piante carnivore usano trappole micidiali per catturare le prede.   Ci sono insetti, come gli impollinatori, che non sono uccisi dalle piante carnivore.   Anche le piante carnivore, per riprodursi hanno bisogno degli insetti impollinatori.   La drosera intrappola le prede con goccioline di colla.   Esiste anche una pianta che si nutre della cacca degli insetti. Una drosera: le sue foglie sono coperte da tentacoli colorati a cui la preda rimane attaccata.