I denti di leone

A come ambiente informativo I denti di leone A volte i testi informativi usano immagini (disegni o fotografie) per rendere più comprensibili le informazioni che vogliono trasmettere. Sotto le figure si trovano, di solito, delle brevissime spiegazioni chiamate “didascalie”. Osserva sempre le immagini e leggi le didascalie. I fiori del dente di leone si possono trovare in qualsiasi prato ai bordi delle strade. I fiori crescono all’estremità di un lungo gambo. Le immagini, talvolta, sono più immediate delle parole. Prova a descrivere nel dettaglio questa immagine. Ti sembra che le tue parole siano efficaci come l’immagine per far capire com’è un dente di leone? Il fiore del dente di leone resta aperto solo per pochi giorni. Poi si chiude, i petali si seccano e muoiono. Da questo punto in poi, leggi il testo e cerca le immagini adatte e scrivi i numeri corrispondenti nei quadratini. Sotto i petali chiusi crescono tanti piccoli semi: ciascuno con un piccolo gambo e con un ciuffo di peluria bianca. I petali secchi cadono a terra. È diventato un soffione: grande più o meno come una pallina da ping-pong e formato da tanti ciuffetti bianchi. Ogni ciuffetto bianco è simile a un piccolo paracadute e regge un seme. I semi sono tutti attaccati insieme all’estremità del gambo e formano una specie di cuscinetto portaspilli che si chiama ricettacolo. Quando i semi sono maturi, si staccano dal ricettacolo. Il vento li porta via. Alcuni semi si poseranno sulla terra e potranno germogliare. Altri si poseranno su un animale e si attaccheranno al pelo. Se l’animale si gratterà o si agiterà potranno cadere sulla terra e germogliare anche loro più lontano. Sotto ogni immagine scrivi una didascalia. Ci sono altre parti del testo che varrebbe la pena illustrare? Quali? Fai il disegno nel riquadro vuoto e scrivi la didascalia corrispondente.

A come ambiente

informativo

I denti di leone


A volte i testi informativi usano immagini (disegni o fotografie) per rendere più comprensibili le informazioni che vogliono trasmettere. Sotto le figure si trovano, di solito, delle brevissime spiegazioni chiamate “didascalie”.

 Osserva sempre le immagini e leggi le didascalie.


I fiori del dente di leone si possono trovare in qualsiasi prato ai bordi delle strade. I fiori crescono all’estremità di un lungo gambo.

Le immagini, talvolta, sono più immediate delle parole.

 Prova a descrivere nel dettaglio questa immagine. Ti sembra che le tue parole siano efficaci come l’immagine per far capire com’è un dente di leone?


Il fiore del dente di leone resta aperto solo per pochi giorni. Poi si chiude, i petali si seccano e muoiono.

 Da questo punto in poi, leggi il testo e cerca le immagini adatte e scrivi i numeri corrispondenti nei quadratini.


Sotto i petali chiusi crescono tanti piccoli semi: ciascuno con un piccolo gambo e con un ciuffo di peluria bianca. I petali secchi cadono a terra.

 È diventato un soffione: grande più o meno come una pallina da ping-pong e formato da tanti ciuffetti bianchi.

 Ogni ciuffetto bianco è simile a un piccolo paracadute e regge un seme. I semi sono tutti attaccati insieme all’estremità del gambo e formano una specie di cuscinetto portaspilli che si chiama ricettacolo.

 Quando i semi sono maturi, si staccano dal ricettacolo. Il vento li porta via. Alcuni semi si poseranno sulla terra e potranno germogliare. Altri si poseranno su un animale e si attaccheranno al pelo. Se l’animale si gratterà o si agiterà potranno cadere sulla terra e germogliare anche loro più lontano.

 Sotto ogni immagine scrivi una didascalia. Ci sono altre parti del testo che varrebbe la pena illustrare? Quali? Fai il disegno nel riquadro vuoto e scrivi la didascalia corrispondente.