Facciamo il punto - Comprensione

Passato e presente facciamo il punto sulla comprensione Prima del cinema AA.VV., Il grande libro dei ragazzi, Adnkronos Libri 1 I primi a inventare il cinema furono i fratelli Lumière: Louis e Auguste. 2 I due, proprietari a Lione di una fabbrica di materiale fotografico, il 13 3 febbraio 1895 brevettarono in Francia una macchina che fungeva sia 4 da macchina da presa sia da proiettore, dotata di un meccanismo che 5 faceva muovere la pellicola a intermittenza. 6 Chiamarono la loro invenzione “cinématographe”. 7 Ma il cinema affonda la sua origine in tempi lontani. 8 In Cina fin dall’XI secolo si facevano spettacoli “di ombre”. Le figurine 9 erano fatte di pelle d’asino e poi oleate fino a divenire trasparenti, 10 quindi dipinte e ritagliate da carta filigranata molto sottile. Venivano 11 proiettate su uno schermo ben teso, di carta o di seta, e venivano animate 12 grazie a un sistema di spaghi e di bacchette. Ben presto la moda 13 delle ombre cinesi si diffuse anche in India, a Java e in altre regioni 14 dell’Asia, fino ad arrivare anche in Persia, in Grecia e in Turchia. 15 Di tutti i giochi visivi, la lanterna magica ebbe vita più lunga. Assomigliava 16 a un proiettore di diapositive moderno, e funzionava più o meno 17 come un proiettore cinematografico: un potente fascio di luce, colpiva 18 l’immagine trasparente e la proiettava ingrandita su uno schermo 19 bianco. Il primo a parlare della lanterna magica fu lo scienziato Athanasius 20 Kircher nel 1671, anche se essa risale sicuramente a un periodo 21 precedente. Nella seconda metà del Seicento e per tutto il Settecento 22 numerosi artisti di strada viaggiavano con le loro lanterne magiche, e 23 incantavano il pubblico con i loro effetti speciali. 24 In seguito la lanterna magica fu perfezionata, grazie a nuove tecniche 25 che riuscirono a creare l’illusione del movimento per le immagini proiettate 26 su uno schermo. Per esempio, nel 1833 fu inventato il phenakistiscope, 27 un giocattolo formato da un cilindro che aveva dipinto lungo 28 la sua circonferenza una serie di figurine che rappresentavano le fasi 29 successive di un’azione continua. Tra una figura e l’altra c’erano delle 30 fessure. Girando velocemente il cilindro davanti a uno specchio, le immagini 31 apparivano dando l’impressione che il disegno fosse uno solo, 32 e in movimento. I primi cartoni animati erano ancora lontani, ma la 33 lanterna magica e le sue successive evoluzioni hanno fatto da apripista. Cogliere l’idea centrale 1 Se tu dovessi dare un altro titolo a questo testo, quale sceglieresti? Le ombre cinesi Il cinema e i suoi antenati Giochi di luci e ombre La nascita dei cartoni animati Riconoscere i livelli di informazione 2 Nel testo che hai letto ci sono quattro sequenze informative. Individuale e suddividi il testo tracciando una linea, come nell’esempio. Poi per ogni sequenza sottolinea in rosso l’informazione principale e in verde le informazioni secondarie. 3 Dai un titolo a ciascuna sequenza informativa, come nell’esempio. • I fratelli Lumière e la nascita del cinematografo. • • • Comprendere le informazioni esplicite e implicite 4 Il phenakistiscope creava delle immagini simili ai cartoni animati perché le immagini: erano colorate. facevano ridere. sembravano in movimento. erano destinate ai bambini. 5 Le immagini delle ombre cinesi: erano del tutto immobili. erano in naturale movimento. facevano movimenti da burattini. si muovevano a ritmo di musica. 6 Ricopia la tabella qui sotto sul quaderno e completa. Che cosa Chi Quando Come è fatto Le ombre cinesi I cinesi Dall'XI secolo Figurine ritagliate e proiettate La lanterna magica Il phenakistiscope Il testo non dà l'informazione Il cinematografo

Passato e presente

facciamo il punto sulla comprensione

Prima del cinema

AA.VV., Il grande libro dei ragazzi, Adnkronos Libri


1 I primi a inventare il cinema furono i fratelli Lumière: Louis e Auguste.

2 I due, proprietari a Lione di una fabbrica di materiale fotografico, il 13

3 febbraio 1895 brevettarono in Francia una macchina che fungeva sia

4 da macchina da presa sia da proiettore, dotata di un meccanismo che

5 faceva muovere la pellicola a intermittenza.

6 Chiamarono la loro invenzione “cinématographe”.

7 Ma il cinema affonda la sua origine in tempi lontani.

8 In Cina fin dall’XI secolo si facevano spettacoli “di ombre”. Le figurine

9 erano fatte di pelle d’asino e poi oleate fino a divenire trasparenti,

10 quindi dipinte e ritagliate da carta filigranata molto sottile. Venivano

11 proiettate su uno schermo ben teso, di carta o di seta, e venivano animate

12 grazie a un sistema di spaghi e di bacchette. Ben presto la moda

13 delle ombre cinesi si diffuse anche in India, a Java e in altre regioni

14 dell’Asia, fino ad arrivare anche in Persia, in Grecia e in Turchia.

15 Di tutti i giochi visivi, la lanterna magica ebbe vita più lunga. Assomigliava

16 a un proiettore di diapositive moderno, e funzionava più o meno

17 come un proiettore cinematografico: un potente fascio di luce, colpiva

18 l’immagine trasparente e la proiettava ingrandita su uno schermo

19 bianco. Il primo a parlare della lanterna magica fu lo scienziato Athanasius

20 Kircher nel 1671, anche se essa risale sicuramente a un periodo

21 precedente. Nella seconda metà del Seicento e per tutto il Settecento

22 numerosi artisti di strada viaggiavano con le loro lanterne magiche, e

23 incantavano il pubblico con i loro effetti speciali.

24 In seguito la lanterna magica fu perfezionata, grazie a nuove tecniche

25 che riuscirono a creare l’illusione del movimento per le immagini proiettate

26 su uno schermo. Per esempio, nel 1833 fu inventato il phenakistiscope, 

27 un giocattolo formato da un cilindro che aveva dipinto lungo

28 la sua circonferenza una serie di figurine che rappresentavano le fasi

29 successive di un’azione continua. Tra una figura e l’altra c’erano delle

30 fessure. Girando velocemente il cilindro davanti a uno specchio, le immagini

31 apparivano dando l’impressione che il disegno fosse uno solo,

32 e in movimento. I primi cartoni animati erano ancora lontani, ma la

33 lanterna magica e le sue successive evoluzioni hanno fatto da apripista.

Cogliere l’idea centrale
  • 1 Se tu dovessi dare un altro titolo a questo testo, quale sceglieresti?
    •   Le ombre cinesi
    •   Il cinema e i suoi antenati
    •   Giochi di luci e ombre
    •   La nascita dei cartoni animati
Riconoscere i livelli di informazione
  • 2 Nel testo che hai letto ci sono quattro sequenze informative. Individuale e suddividi il testo tracciando una linea, come nell’esempio. Poi per ogni sequenza sottolinea in rosso l’informazione principale e in verde le informazioni secondarie.
  • Dai un titolo a ciascuna sequenza informativa, come nell’esempio.
    • I fratelli Lumière e la nascita del cinematografo.
    •  
    •  
    •  
Comprendere le informazioni esplicite e implicite
  • 4 Il phenakistiscope creava delle immagini simili ai cartoni animati perché le immagini:
    •   erano colorate.
    •   facevano ridere.
    •   sembravano in movimento.
    •   erano destinate ai bambini.
  • 5 Le immagini delle ombre cinesi:
    •   erano del tutto immobili.
    •   erano in naturale movimento.
    •   facevano movimenti da burattini.
    •   si muovevano a ritmo di musica.
  • 6 Ricopia la tabella qui sotto sul quaderno e completa.

Che cosa

Chi

Quando

Come è fatto

Le ombre cinesi I cinesi Dall'XI secolo Figurine ritagliate e proiettate
La lanterna magica      
Il phenakistiscope Il testo non dà l'informazione    
Il cinematografo