Parole primitive e derivate

La formazione delle parole Parole primitive e derivate Osservo Leggi il testo. Alla mamma piace qualsiasi fiore, ma il suo fiore preferito è il geranio. Oggi è andata dal fioraio e ha comprato due gerani rossi e uno bianco da mettere nella fioriera vicino all ingresso. Anche i nostri balconi sono sempre infiorati. Nel testo ci sono tre parole che si sono formate dalla parola fiore: quali sono? Per formare queste parole sono stati aggiunti dei pezzetti all inizio, alla fine o in mezzo? Scopro Ci sono parole, come fiore, che non derivano da altre parole. Sono formate solo da due pezzi: la radice (fior-) e la desinenza (-e) che ci dice se la parola è maschile, femminile, singolare, plurale: si chiamano parole primitive. Ci sono invece parole che si sono formate da un altra parola con l aggiunta di un pezzetto alla fine o all inizio. Queste parole hanno un significato diverso ma collegato alla parola di partenza (fiore-fioraio): si chiamano parole derivate. Il pezzetto che si aggiunge alla fine si chiama suffisso (fioraio). Il pezzetto che si aggiunge all inizio si chiama prefisso (infiorati). Mi esercito 1 Colora in rosso i nomi primitivi e in blu i nomi derivati. fienile vetreria latteria benzinaio 14 porta giardino mobiliere zuppiera acquario sedia vaso muratore 2 Scrivi accanto a ognuna delle seguenti parole derivate se è un nome (N), un aggettivo (A) o un verbo (V). orologiaio frutteto solare vellutato fumoso colpire postale baciare telefonico boscaiolo

Parole primitive e derivate