Per filo e per sogno - Scrittura 4 Sfoglialibro

6 Questo testo è scritto in prima persona. Riassumilo in terza persona. Scrittura Una sera che ritornavo a casa in macchina con i miei genitori, ho visto in mezzo alla strada, illuminato dai fari, un porcospino. Le luci e il rumore dell auto che si avvicinava lo fecero arrotolare. Ho raccolto il porcospino avvolgendolo in uno straccio e l ho portato a casa. L ho chiamato Lilli, un nome che può andare bene sia per un maschio che per una femmina, anche perché io mi chiamo Lorenzo e in casa mi chiamano Lollo. Lilli passò la notte in una conigliera vuota e la mattina dopo era pronto a fare colazione con una scatoletta di cibo per cani, che ai porcospini piace moltissimo. L ho mantenuto per parecchi giorni; speravo che, se si fosse abituato, avrebbe continuato a rimanere con noi, quando lo avrei lasciato libero in giardino. I porcospini sono molto utili in giardino perché mangiano le lumache e le chiocciole. Un giorno ho dato a Lilli l ultimo buon pasto e poi l ho messo sul prato e sono stato a osservarlo andarsene in tutta fretta. Il nostro giardino è recintato con un muro, ma quello che non sapevo è che i porcospini sono capaci di scalare i muri. Non l ho mai più visto. 63

Per filo e per sogno - Scrittura 4 Sfoglialibro