3. Il registro linguistico

Più facile Strategie di scrittura 2. il registro linguistico uso il tono giusto Osservo Leggi questo breve testo e rispondi alle domande. Allora, ragazzi, se suona l’allarme dell’incendio, bisogna tagliare la corda in fretta. Mentre ve la filate, lasciate perdere libri e altre cose che impicciano. Mettetevi il braccio davanti alla faccia, che è meglio. A che cosa dovrebbe servire questo testo? A dare le istruzioni per un gioco di gruppo. A dare le regole di evacuazione dalla scuola. A dare delle regole di buon comportamento. Per chi potrebbe essere stato scritto? Questo testo parla di un tema importante, cioè come comportarsi in caso di incendio, e dovrebbe essere scritto in modo più serio. Riscrivilo tu usando un linguaggio più adatto allo scopo. Quando scrivi devi usare parole e forme adatte a chi leggerà il testo. Per usare il tono giusto, rifletti con l’aiuto di questa domanda. Chi leggerà il mio testo? - Se ti rivolgi a una persona con cui hai confidenza, puoi usare un linguaggio informale → espressioni e forme familiari, che usi tutti i giorni. - Se ti rivolgi a una persona che non conosci o con cui non hai confidenza, devi usare un linguaggio formale → parole precise e forme standard, che magari non usi tutti i giorni. Provo io! 1. Sara ha scritto questi testi che leggerà un adulto. Riscrivili usando un linguaggio meno familiare e più adatto al destinatario. Il libro della biblioteca che dovrò leggere è barbosissimo. Una vera pizza! Il libro della biblioteca che dovrò leggere è davvero molto noioso. Oggi è una giornata proprio no. Non sapevo un tubo e la maestra di storia mi ha beccato. Preside, allora vuoi aggiustare il riscaldamento della palestra, prima che diventiamo dei pinguini? Caro Sindaco, mi fai il piacere di ripulire i giardini davanti alla scuola? 2. In questi testi chi scrive ha usato un linguaggio formale, non adatto alla persona a cui si rivolge. Riscrivi i testi. Cambia le espressioni e le frasi sottolineate in altre di tono più familiare. Una madre scrive al figlio che si trova in un campeggio e lo rimprovera perché non si comporta bene. “Mi dicono che ti stai comportando male. È giunto il momento di porre fine alle tue menzogne!”. Mi dicono che ti stai comportando male. Adesso basta con le bugie! Anita scrive una mail agli zii che vivono lontani e li saluta così. “Tanti cordiali saluti da Anita”. Leo scrive un biglietto a un amico che non lo ha aiutato in un compito. “Non posso credere che tu sia stato tanto egoista con me. Eppure io mi sono sempre speso per aiutarti”. 3. Leggi il testo e rispondi. Napoli, 20 maggio 2020 Alla Dirigente Scolastica Carissima Preside, ti scrivo a nome di tutti i miei compagni di classe per invitarti a una festa che i nostri genitori hanno organizzato nel cortile della scuola per la fine dell’anno scolastico. Nella speranza di vederti fra di noi, ti abbraccio fortissimo, Luca Scalia Luca ha usato un tono non adatto al destinatario a cui si rivolge. Secondo te avrebbe dovuto usare un linguaggio: formale. informale. Adesso riscrivi la lettera con un linguaggio più adatto al destinatario. Gentilissima Preside, le scrivo 4. Scrivi un biglietto di auguri di compleanno a queste tre persone diverse. Usa il linguaggio adatto al destinatario. A un tuo amico o a una tua amica Alla mamma o al papà A un’amica dei tuoi genitori
Più facile   Strategie di scrittura 2. il registro linguistico uso il tono giusto Osservo  Leggi questo breve testo e rispondi alle domande. Allora, ragazzi, se suona l’allarme dell’incendio, bisogna tagliare la corda in fretta. Mentre ve la filate, lasciate perdere libri e altre cose che impicciano. Mettetevi il braccio davanti alla faccia, che è meglio.  A che cosa dovrebbe servire questo testo?    A dare le istruzioni per un gioco di gruppo.    A dare le regole di evacuazione dalla scuola.    A dare delle regole di buon comportamento.  Per chi potrebbe essere stato scritto?    Questo testo parla di un tema importante, cioè come comportarsi in caso di incendio, e dovrebbe essere scritto in modo più serio. Riscrivilo tu usando un linguaggio più adatto allo scopo.     Quando scrivi devi usare parole e forme adatte a chi leggerà il testo. Per usare il tono giusto, rifletti con l’aiuto di questa domanda.   Chi leggerà il mio testo? - Se ti rivolgi a una persona con cui hai confidenza, puoi usare un linguaggio informale → espressioni e forme familiari, che usi tutti i giorni. - Se ti rivolgi a una persona che non conosci o con cui non hai confidenza, devi usare un linguaggio formale → parole precise e forme standard, che magari non usi tutti i giorni. Provo io! 1. Sara ha scritto questi testi che leggerà un adulto. Riscrivili usando un linguaggio meno familiare e più adatto al destinatario.  Il libro della biblioteca che dovrò leggere è barbosissimo. Una vera pizza!  Il libro della biblioteca che dovrò leggere è davvero molto noioso.  Oggi è una giornata proprio no. Non sapevo un tubo e la maestra di storia mi ha beccato.    Preside, allora vuoi aggiustare il riscaldamento della palestra, prima che diventiamo dei pinguini?    Caro Sindaco, mi fai il piacere di ripulire i giardini davanti alla scuola?   2. In questi testi chi scrive ha usato un linguaggio formale, non adatto alla persona a cui si rivolge. Riscrivi i testi. Cambia le espressioni e le frasi sottolineate in altre di tono più familiare.  Una madre scrive al figlio che si trova in un campeggio e lo rimprovera perché non si comporta bene. “Mi dicono che ti stai comportando male. È giunto il momento di porre fine alle tue menzogne!”.  Mi dicono che ti stai comportando male. Adesso basta con le bugie!  Anita scrive una mail agli zii che vivono lontani e li saluta così. “Tanti cordiali saluti da Anita”.    Leo scrive un biglietto a un amico che non lo ha aiutato in un compito. “Non posso credere che tu sia stato tanto egoista con me. Eppure io mi sono sempre speso per aiutarti”.   3. Leggi il testo e rispondi. Napoli, 20 maggio 2020 Alla Dirigente Scolastica Carissima Preside, ti scrivo a nome di tutti i miei compagni di classe per invitarti a una festa che i nostri genitori hanno organizzato nel cortile della scuola per la fine dell’anno scolastico. Nella speranza di vederti fra di noi, ti abbraccio fortissimo, Luca Scalia  Luca ha usato un tono non adatto al destinatario a cui si rivolge. Secondo te avrebbe dovuto usare un linguaggio:   formale.   informale.  Adesso riscrivi la lettera con un linguaggio più adatto al destinatario.  Gentilissima Preside, le scrivo         4.  Scrivi un biglietto di auguri di compleanno a queste tre persone diverse. Usa il linguaggio adatto al destinatario.  A un tuo amico o a una tua amica    Alla mamma o al papà    A un’amica dei tuoi genitori