Sul filo della musica - Il mattino

AUTUNNO Sul filo della musica Il mattino Il mattino fa parte delle musiche di scena scritte dal compositore norvegese Edvard Grieg (1843-1907) per l’opera teatrale Peer Gynt. Ascolta con attenzione il brano e cerca di individuarne il tema, cioè la frase musicale che inizia la composizione e che viene poi ripresa e sviluppata all’interno del brano. • Quante volte viene ripetuto in modo completo il tema? Colora un quadratino ogni volta che lo senti. • Quale strumento si sente per primo? • Quali altri strumenti riesci a riconoscere? • Quali aggettivi useresti per definire questa musica? Scegli dall’elenco o scrivi tu. Allegra. Triste. Ripetitiva. Serena. Inquietante. Rilassante. Noiosa. Nostalgica. Malinconica. • Quali immagini ti suscita l’ascolto di questo brano? Prova a rappresentarle con la tecnica che preferisci: il solo disegno, le tempere, le matite, i pennarelli, i pastelli a cera… scopro la musica Ricordi? Le note si scrivono in maniera diversa a seconda della durata del suono. • Anche le pause, cioè i momenti di silenzio fra i suoni, si scrivono! A ogni durata della pausa corrispondono segni diversi. Ci sono pause da 4 battiti e si scrivono sotto la quarta riga del pentagramma: Ci sono pause da 2 battiti e si scrivono sopra la terza riga del pentagramma: Le pause da 1 battito si scrivono sempre così: • Scrivi di fianco a ogni nota una pausa della stessa durata. • Scrivi di fianco a ogni nota una pausa della stessa durata.
AUTUNNO Sul filo della musica Il mattino Il mattino fa parte delle musiche di scena scritte dal compositore norvegese Edvard Grieg (1843-1907) per l’opera teatrale Peer Gynt. Ascolta con attenzione il brano e cerca di individuarne il tema, cioè la frase musicale che inizia la composizione e che viene poi ripresa e sviluppata all’interno del brano. •  Quante volte viene ripetuto in modo completo il tema? Colora un quadratino ogni volta che lo senti.                     •  Quale strumento si sente per primo?  •  Quali altri strumenti riesci a riconoscere?  •  Quali aggettivi useresti per definire questa musica? Scegli dall’elenco o scrivi tu.    Allegra.    Triste.    Ripetitiva.    Serena.    Inquietante.    Rilassante.    Noiosa.    Nostalgica.    Malinconica.      •  Quali immagini ti suscita l’ascolto di questo brano? Prova a rappresentarle con la tecnica che preferisci: il solo disegno, le tempere, le matite, i pennarelli, i pastelli a cera…                   scopro la musica Ricordi? Le note si scrivono in maniera diversa a seconda della durata del suono. • Anche le pause, cioè i momenti di silenzio fra i suoni, si scrivono! A ogni durata della pausa corrispondono segni diversi. Ci sono pause da 4 battiti e si scrivono sotto la quarta riga del pentagramma: Ci sono pause da 2 battiti e si scrivono sopra la terza riga del pentagramma: Le pause da 1 battito si scrivono sempre così: • Scrivi di fianco a ogni nota una pausa della stessa durata. • Scrivi di fianco a ogni nota una pausa della stessa durata.