Sul filo della poesia - Estate

ESTATE Sul filo della poesia Estate Giusi Quarenghi, E sulle case il cielo, Topipittori Ho l’estate tra le mani Un’anguria a fette larghe Ho l’estate nelle gambe Sfido il vento e corro via Ho l’estate sotto i piedi È sdraiata dappertutto Ho l’estate nella testa Sogni lunghi e sere chiare Ho l’estate nella gola Ha sapore di gelato Scrivo. Finisce la scuola… • Arriva l’estate: fra pochi giorni lascerai la scuola primaria. Che cosa provi? Ti dispiace lasciare le compagne, i compagni e l’insegnante? Provi più curiosità o preoccupazione per la nuova avventura della scuola secondaria che ti attende? Noia Janna Carioli, Io cambierò il mondo. Poesie per crescere, Mondadori Oggi niente ginnastica niente inglese niente nuoto, solo la sabbia del tempo di un bel pomeriggio vuoto. Mi piacciono i lunghi e lenti sonnolenti pomeriggi d’estate quando non c’è nulla da fare e posso annoiarmi in pace. Non occupatemi del tempo per farmi più intelligente, io sono programmato anche per non fare niente. E spuntano idee nel cervello come tanti fiori in un vaso, da semi buttati per noia e germogliati per caso. L’estate che vorrei • Come trascorrerai la tua estate? Vorresti anche tu non avere niente da fare oppure sogni avventure, posti nuovi da scoprire e nuovi amici? Racconta in classe alle compagne e ai compagni.

ESTATE

Sul filo della poesia

Estate

Giusi Quarenghi, E sulle case il cielo, Topipittori

Ho l’estate tra le mani

Un’anguria a fette larghe

Ho l’estate nelle gambe

Sfido il vento e corro via

Ho l’estate sotto i piedi

È sdraiata dappertutto

Ho l’estate nella testa

Sogni lunghi e sere chiare

Ho l’estate nella gola

Ha sapore di gelato

Scrivo. Finisce la scuola…
  • •  Arriva l’estate: fra pochi giorni lascerai la scuola primaria. Che cosa provi? Ti dispiace lasciare le compagne, i compagni e l’insegnante? Provi più curiosità o preoccupazione per la nuova avventura della scuola secondaria che ti attende?

Noia

Janna Carioli,  Io cambierò il mondo. Poesie per crescere, Mondadori

Oggi niente ginnastica

niente inglese niente nuoto,

solo la sabbia del tempo

di un bel pomeriggio vuoto.

Mi piacciono i lunghi e lenti

sonnolenti pomeriggi d’estate

quando non c’è nulla da fare

e posso annoiarmi in pace.

Non occupatemi del tempo

per farmi più intelligente,

io sono programmato

anche per non fare niente.

E spuntano idee nel cervello

come tanti fiori in un vaso,

da semi buttati per noia

e germogliati per caso.

L’estate che vorrei
  • •  Come trascorrerai la tua estate? Vorresti anche tu non avere niente da fare oppure sogni avventure, posti nuovi da scoprire e nuovi amici? Racconta in classe alle compagne e ai compagni.